scoiattolo

Scoiattoli

03 settembre 2018

Scoiattoli e curiosità

Gli scoiattoli vivono sugli alberi o a terra?

Forse non tutti sanno che anche la marmotta è uno scoiattolo, in quanto appartenente alla famiglia degli Sciuridi. In genere si usa distinguere gli scoiattoli tra terricoli, arboricoli e volanti. Se dell’ultimo gruppo non abbiamo alcun rappresentante tra la fauna italiana, di terricolo abbiamo non solo la marmotta, storica presenza dell’arco alpino ma anche il chipmunk. Questo piccolo scoiattolo noto come Tamia siberiano, frequente incontro in molti negozi di animali, dopo avventati rilasci in natura ha creato alcune colonie tra Veneto e Lazio e si confronta oggi con la fauna locale come specie aliena invasiva.

scoiattolo

Il comune scoiattolo rosso, è davvero rosso?

Non sempre! Il colore del pelo dello scoiattolo comune, chiamato nei paesi anglofoni “red squirrel”, è estremamente variabile. Pur ruotando attorno a tonalità rossastre questo può cambiare da individuo a individuo, ma anche stagionalmente variando dal rosso-arancio al bruno-grigio. Le colorazioni più scure tendono a confonderlo con lo scoiattolo grigio, una specie aliena invasiva arrivata il secolo scorso in Italia dal nord America e subito entrata in competizione con lo scoiattolo nostrano. Anche il manto del grigio può variare: può colorarsi in alcune parti di peluria bruno rossastra, tanto che molti esemplari possono essere correttamente identificati solo dagli specialisti.

scoiattolo

Lo scoiattolo è un animale utile?

Se parliamo dell’utilità verso l’uomo ed il suo ambiente dobbiamo distinguere le specie. Sappiamo da studi scientifici che molti scoiattoli esotici come lo scoiattolo grigio, lo scoiattolo variabile o quello dal ventre rosso, oggi presenti anche in alcune regioni italiane, possono essere molto dannosi. Decortecciano gli alberi declassandone il valore commerciale, sono portatori di malattie e sono attivi competitori verso la fauna locale, alterando gli ecosistemi. Del resto anche il nostro scoiattolo comune un tempo era mal visto: veniva largamente cacciato e considerato una peste e una sventura da avere intorno. Dopo gli anni settanta è diventato una specie protetta ed è tornato a popolare boschi e campagne, rientrando nella nostra cultura popolare come animale grazioso e amichevole e riequilibrando gli ecosistemi boschivi da cui era scomparso. L’utilità è sempre un concetto culturalmente molto variabile!

scoiattolo

Gli scoiattoli sono onesti?

Durante l’inverno solitamente gli scoiattoli non vanno in letargo, quindi devono immagazzinare durante l’estate e l’autunno le scorte di cibo per superare la stagione fredda. Questo però non basta perché oltre al freddo e alla fame gli scoiattoli devono stare attenti ad un altro pericolo: i ladri!

Uccelli come cornacchie o ghiandaie o molto spesso anche altri scoiattoli non aspettano altro che uno scoiattolo si distragga dalle sue scorte per rubargliele. Si è stimato che uno scoiattolo può perdere in media il 25% delle sue riserve di cibo a causa dei furti. Per questo motivo molti di loro dividono il loro patrimonio alimentare in numerosi nascondigli segreti (in cavità di alberi o in buche nel terreno) così, se uno viene scoperto e saccheggiato, ne rimane un altro per arrivare alla primavera.

scoiattolo

Qual è il nemico numero uno dello scoiattolo?

Gli scoiattoli devono competere ogni giorno con numerosi avversari: rapaci, volpi, gatti randagi che li vogliono mangiare, altri scoiattoli e spesso anche esseri umani che in vario modo danneggiano il loro ecosistema. Tuttavia gli scoiattoli sono animali intelligenti, furbi e agilissimi. Difficile è metterli sotto scacco e ancor più acciuffarli una volta al riparo tra le fitte fronde degli alberi. Ma c’è qualcuno con cui la partita è da sempre aperta: la martora. Questo agile e agguerrito mustelide riesce a tenere testa allo scoiattolo, rincorrendolo tra le chiome degli alberi e dentro gli anfratti dei tronchi. Ma la martora può talvolta diventare un alleato dello scoiattolo comune. Uno studio condotto in Irlanda, dove lo scoiattolo grigio americano stava portando all’estinzione lo scoiattolo rosso,  ha mostrato come reintroducendo le martore, a loro volta scomparse per la caccia e la deforestazione, queste predassero con grande efficienza l’alieno (lo scoiattolo grigio americano). Lo scoiattolo grigio è più grosso e lento del rosso e le agili martore, abituate a prede ben più difficili, hanno trovato in lui una facile preda. Il nemico del tuo nemico può essere tuo amico!

 

COME STANNO I NOSTRI SCOIATTOLI? LEGGILO NEL PROSSIMO POST