Supporto economico alla conservazione della biodiversità: è sufficiente?

08 ottobre 2018

COME SOSTENERE LA CONSERVAZIONE DELLA NATURA?

Oggi quasi tutti conoscono la parola Biodiversità e hanno sentito parlare della conservazione della biodiversità almeno una volta nella sua vita. Tuttavia, pochissime persone sono al corrente di come la conservazione della biodiversità agisca e di come sia sostenuta economicamente.

Nonostante i programmi di conservazione siano attivi dal 1992, grazie alla Convenzione sulla diversità biologica e al Global Environmental Facility che hanno potenziato gli sforzi, l’umanità non è in grado di fermare il declino della biodiversità e realizzare uno schema di protezione su scala mondiale.

Le possibili cause sono attribuibili al sottofinanziamento generale, alla mancanza di cooperazione globale e al fallimento dei protocolli di controllo.

La conservazione della biodiversità, come strutturata al momento, cade come costi esclusivamente sui i governi. Poiché un piano di gestione e conservazione della biodiversità efficiente a livello nazionale ha costi molto elevati, praticamente nessuna nazione è in grado di fornire fondi adeguati per coprirli, specialmente nelle contee in via di sviluppo.

È quindi chiaro che molti governi preferiscono gli investimenti interni piuttosto che un impianto di conservazione globale; accanto a questo “il governo ha l’incentivo a fornire meno del livello ottimale di finanziamento nella speranza che altri coprano i costi”.

È pertanto necessario un cambiamento nella visione dei vari governi per l’inversione di tendenza, associata ad un’equa ridistribuzione dei costi; “l’obiettivo chiave dovrebbe essere l’accordo su un obiettivo globale, con i paesi che si impegnano volontariamente a raggiungere l’obiettivo”.

“Stabilire un obiettivo globale per un accordo globale per la biodiversità è solo il primo passo” … .. “Tutti i paesi dovrebbero dichiarare il proprio obiettivo nazionale, le politiche e le tempistiche per raggiungere l’obiettivo generale”.

A dimostrazione di una piena consapevolezza dell’importanza della conservazione della biodiversità su scala globale, i paesi più ricchi dovrebbero sviluppare obiettivi che includano “impegni finanziari e tecnologici per aiutare la conservazione nei paesi in via di sviluppo”.

È chiaro, tuttavia, che questa azione da sola non è sufficiente.

Per garantire un’ulteriore possibilità di successo nella protezione della biodiversità, è necessario pianificare un nuovo accordo globale che estenda le responsabilità non solo ai governi.

“Il superamento del gap di finanziamento critico e l’estensione degli obiettivi di Aichi per il salvataggio della biodiversità globale … richiede … un coinvolgimento diretto del settore privato. Anche le città, le organizzazioni non governative e altri attori non statali potrebbero avere un ruolo, come proposto per l’accordo di Parigi “.

Il coinvolgimento razionale delle aziende potrebbe portare benefici sia a breve che a lungo termine; nonostante alcune azioni non possano guadagnare finanziariamente, come la mitigazione dei cambiamenti climatici, porteranno benefici che possono essere ampiamente condivisi. “Al contrario, alcune industrie – come i frutti di mare, la silvicoltura, l’agricoltura e l’assicurazione – possono beneficiare direttamente del sostegno alla conservazione della biodiversità”.

“L’inclusione di società a fianco dei governi nella progettazione e attuazione di un accordo globale per la biodiversità potrebbe aiutare a coordinare e allineare gli incentivi per sostenere una conservazione maggiore e più efficace”.

biodiversità conservazione World Biodiversity Association Moneygami

La partnership unica tra aziende e paesi potrebbe creare “nuove opportunità di marketing, come programmi di etichettatura e prodotti certificati e legittimi, incrementando ulteriormente i benefici derivanti dalla conservazione della biodiversità e creando ulteriori incentivi per sostenere un accordo globale sulla biodiversità”
“Un accordo globale per la biodiversità coinvolgerebbe il governo e l’industria e, auspicabilmente, altri attori non protagonisti, in un modo che non ha eguali nella storia della protezione della natura”.
“Garantire livelli sicuri di biodiversità globale richiederà alle imprese che possono trarre benefici economici dalla conservazione per unire gli sforzi al fine di evitare la continua perdita irreversibile della biodiversità”.

Questa cooperazione sinergica sarebbe la condizione ottimale per introdurre il concetto fondamentale: è possibile ottenere un business positivo dalla protezione della biodiversità.

Per l’approfondimento fare riferimento a: EDWARD B. BARBIER, JOANNE C. BURGESS, THOMAS J. DEAN, 2018. How to pay for saving biodiversity. Can private sector involvement in a global agreement help to conserve global biodiversity? Science, 360 (6388): 486-488. 

Cover image credit: Frits Ahlefeldt 

Moneygami credit: conservationbites.com