Sei nuove specie di Coleotteri Curculionidi descritte per l’Italia!

14 gennaio 2013

leiosoma-colonnellii-223x300

Il nostro socio Guido Pedroni di Bologna, ha pubblicato sul Bollettino del Museo Civico di Storia Naturale di Verona (36, 2012 Botanica Zoologia: 73-90) l’articolo: Le specie italiane del gruppo di Leiosoma scrobiferum con descrizione di sei specie nuove (Coleoptera, Curculionidae, Molytini). Nel lavoro vengono ridescritti L. scrobiferum Rottenberg, 1871 e L. baudii Bedel, 1884, quest’ultimo elevato a rango di specie. Vengono designati il neotipo di L. scrobiferum ed il lectotipo di L. baudii. Sono inoltre descritte sei nuove specie italiane di Leiosoma Stephens, 1831 appartenenti al gruppo di L. scrobiferum: L. alpinum n. sp. (Monti Lessini, Val Camonica, Monti di Lecco, Valle Po), L. dardagnense n. sp. (alto Appennino Tosco-Emiliano), L. hernicum n. sp. (Monti Ernici, Simbruini, Lepini,), L. fiscellense n. sp. (Gran Sasso e Monti della Laga), L. angelinii n. sp. (Monti Aurunci, La Majella, Parco Nazionale d’Abruzzo, Cilento), L. colonnellii n. sp. (Monte Pollino). Il lavoro comprende una chiave dicotomica per le specie italiane del gruppo e alcune osservazioni di carattere ecologico su diverse specie del gruppo L. scrobiferum diffuse in ecosistemi montani e alto-montani.
WBA esprime le più vive congratulazioni al socio Guido Pedroni per l’importante lavoro che dimostra come, anche in un Paese come il nostro, ritenuto sufficientemente conosciuto dal punto di vista naturalistico, sia ancora possibile scoprire nuove specie per la scienza. Questo dovrebbe rappresentare uno stimolo, soprattutto per le giovani generazioni, per impegnarsi nelle indagini naturalistiche sul nostro territorio, ancor prima di cimentarsi in spedizioni in terre lontane. Ci siamo dimenticati troppo presto, forse, che in Europa l’Italia rappresenta un vero e proprio hot-spot di biodiversità e che di lavoro, soprattutto per gli zoologi, ne rimane ancora parecchio!
Gli interessati possono chiedere copia del lavoro direttamente al socio Pedroni al seguente indirizzo mail: guidopedroni@libero.it