Dalla “Settimana della Biodiversità” interessanti novità

27 agosto 2012

18_08_2012_fontana_della_teia__baldorhynchus1-300x187Dal 13 al 19 agosto 2012 si è svolta presso il Rifugio dell’Orto Botanico del Monte Baldo, a Novezzina, la “Settimana della Biodiversità”. Soci e simpatizzanti di WBA, assieme agli speleologi del Gruppo Attività Speleologica Veronese, hanno partecipato alle ricerche naturalistiche effettuate in diversi ambienti del Monte Baldo: prati aridi, boschi, pascoli, ghiaioni, forre, grotte e circhi glaciali. Le indagini hanno interessato soprattutto la fauna del suolo e la fauna cavernicola; i materiali raccolti sono ora in corso di studio da parte degli specialisti. Particolarmente interessanti sono i campioni di chilopodi, diplopodi, pseudoscorpioni e coleotteri. Tra questi ultimi, rilevanti sono state le raccolte di due esemplari di Troglorhynchus (Baldorhynchus), coleottero Curculionide endogeo (nuova specie?) e di alcuni esemplari del genere Orotrechus, raccolti nella Grotta del Tasso. Si tratta della seconda località di Orotrechus per il Monte Baldo, dopo la scoperta nella Grotta Tanella avvenuta nel 1985.
Non sono mancati i momenti conviviali, discussioni e confronti. Le serate sono state arricchite con incontri a tema aperti al pubblico: Grotte del Baldo, Stelle del Baldo e un’interessante conferenza del socio Cesare Brizio sui suoni emessi in natura da insetti, anfibi e uccelli. Una giornata, infine, è stata dedicata al nuovo disciplinare di WBA “Biodiversity Friend” per certificare la conservazione della biodiversità in agricoltura.
I risultati assai interessanti delle indagini naturalistiche e l’ottima accoglienza al Rifugio crediamo saranno elementi determinanti nella scelta della location della prossima “Settimana della Biodiversità” prevista per l’estate 2013…
Arrivederci, tra un anno sul Monte Baldo!